Conviviale del 6 Febbraio 2014 – Incontro con il dr. Nicoletti

foto1Una notte ho sognato che parlavi

(vedi video)

Gianluca Nicoletti (leggi CV), presentando il suo ultimo libro, ci ha parlato di suo figlio Tommy, un simpatico e riccioluto adolescente autistico. Di un bambino che a tre anni era tanto buono e silenzioso che, quando un neuropsichiatra sentenziò: «Suo figlio è attratto più dagli oggetti che dalle persone», Nicoletti  non trovò tutto ciò affatto strano. (In fondo, era stato così anche per se: aveva cominciato a parlare tardissimo e ora si guadagnava da vivere proprio parlando; quindi, prima o poi, pure Tommy avrebbe iniziato a farsi sentire). In seguito, con l’arrivo dell’adolescenza, le cose in famiglia improvvisamente cambiarono: quel bambino taciturno diventa un gigante con i peli, forzuto, talvolta aggressivo, spesso incontrollabile, e il padre, chiamato in causa dalla moglie sconfortata, si scopre – suo malgrado – un genitore felicemente indispensabile. Nicoletti prosegue il suo racconto dolceamaro, sempre franco e disincantato, di un piccolo universo quotidiano, fatto di impegnative (per il padre che deve pedalare per due) e piacevoli (per il figlio che va a rimorchio)  gite in tandem su e giù per Roma, di meno piacevoli visite negli uffici della Asl per ottenere un permesso di parcheggio per disabili irragionevolmente negato, di acrobatiche organizzazioni famigliari per conciliare lavoro, scuola, terapie e svago (districandosi fra deliziose insegnanti di yoga, esperti di ippoterapia, demotivati insegnanti di sostegno, svogliati operatori sociosanitari), e poi di risse verbali per un posto a sedere in autobus, di quesiti su come gestire la nascente (e prorompente) sessualità di Tommy e su come affrontare «un domani» il suo futuro. Perché l’autismo – di cui si sa ancora pochissimo – non è un disturbo infantile: dall’autismo non «si guarisce».E’ una patologia, troppo spesso rappresentata in modo fantasioso e iperbolico, oggi diffusissima: la prima causa di handicap in Italia e interessa oggi in Italia 400.000 famiglie. Al termine della conversazione sul suo rapporto con il figlio Tommy il dr. Nicoletti è stato a lungo applaudito da tutti i presenti in sala. foto2

Prima dell’intervento di Nicoletti è stato proiettato un video (vedi articolo Cavallo al Sole – Saggio finale del CRE 8 Giugno 2013), preparato dal presidente Saraceno sulle attività del Centro Riabilitazione Equestre Girolamo de Marco Onlus, presentato assieme da Giorgio Castellucci, presidente del CRE, e dal dr. Giovanni Papa, psicoterapeuta del Centro. Tommy Nicoletti è un allievo della struttura CRE presso i maneggi del Reggimento di Cavalleria “Lancieri di Montebello”a Tor di Quinto.

Presenti 41 di cui soci 24

Ospiti dei soci:  Dott. Giovanni Papa, psicoterapeuta del C.R.E., di Giorgio Castellucci; Marchesa Dani del Secco d’Aragona, di Orazio De Lellis; Dott. Gianni De Logu e signora Annalisa, di Pier Giuseppe Rossini

Visitors: Maria Carla Di Paolo, PP del RC Roma Palatino, Laura Carlodalatri, Mara Costantino, Fabia Palumbo e Alessandra Zappa del RC Roma Centenario