Conviviale di giovedì 8 novembre 2018 


Intervento della prof. Gabriela CAPRIOTTI (Dirigente Medicina Nucleare Ospedale S. Andrea) su

“Medicina nucleare: cos’è e cosa può fare”


La prof. Capriotti Gabriela, nata a Roma il 29-Marzo-1973, si è laureata con Lode in Medicina e Chirurgia nel 1998 ed ha conseguito la Specializzazione in Medicina Nucleare nel 2002 diplomandosi con lode. Nel 2002 è stata vincitrice di una Scholarship finanziata dall’Università di Hannover (Germania) per il miglior lavoro scientifico pubblicato nella comunità medico nucleare a primo nome dal titolo: “An in vitro study to compare 99mTc-stannous colloids and 99mTc-HMPAO for labelling human leukocytes.” Nel 2002-2004 è stata assegnista di ricerca in un progetto co-finaziato AIRC (Associazione Italiana Ricerca Cancro).  Nel 2008 ha conseguito il diploma di PhD (dottore in Ricerca) presso l’Università Sapienza di Roma, pubblicando sempre a primo nome il suo lavoro dal titolo: “ Central and peripheral dopamine transporter reduction in Parkinson’s disease”. E’ Professore Aggregato in area MED/36 presso la Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Universitá “Sapienza” di Roma dal 2005. E’ stata professore dal 2005 al 2017 presso Scuola Superiore di Sanità Alto-Atesina (Bolzano). E’ Responsabile delle Immagini – Roma negli studi multicentrici europei per Alzheimer. Membro del Gruppo “Neurology” dell’associazione europea di Medicina Nucleare (EANM) e del Gruppo di studio “Infezioni e Infiammazioni” dell’Associazione Italiana Medicina Nucleare (AIMN). E’ stata anche autrice di lavori sulle infiammazioni ed infezioni, neurologia ed oncologia. Svolge attività didattica continuativa presso l’Universitá “Sapienza” di Roma dal 2005 in numerosi corsi di laurea e specializzazione dove si occupa prevalentemente di Radioprotezione e Diagnostica per Immagini. Autore di numerose pubblicazioni scientifiche su riviste recensite e di alcuni capitoli di alcuni capitoli di libri. Dal 2015 è consulente presso Ely-Lilly (Connecticut) come Neuro-21 readers di immagini. Le principali linee di ricerca sono:

  • sviluppo di nuovi radiofarmaci nello studio della malattia di Azheimer;
  • studio fisiopatologico delle epilessie farmaco resistenti;
  • sviluppo ed applicazione di tecniche diagnostiche per immagini in campo oncologico con particolare riguardo ai tumori del polmone

 

Sono presenti 30 persone tra cui 21 soci del Club, consorti ed ospiti n. 6., 2 del Rotaract: Caterina Chincoli e Valentina Cala’ . Ospiti dei soci: Il Dr. Enrico Palma e il Dr. Ernesto Carpentieri (Mariano Marotta). Ospite del Club: la relatrice prof..ssa Gabriela Capriotti